Andar per Libri. Il mondo in 15 librerie (oggi in libreria)

Il 3 novembre (oggi) esce, in libreria, una novità Bompiani che parla di libri, lettori e librerie. Si intitola “Andar per Libri. Il mondo in 15 librerie”, a cura di H. Hitchings.

Andar per libri. Il mondo in 15 librerie
Andar per libri. Il mondo in 15 librerie

Lo sto facendo davvero. Sto scrivendo di un libro senza ancora averlo letto tutto. Ma devo ammetterlo, questo testo mi sembrava perfetto come prima recensione di Ladra di Libri.

Sto parlando di Andar per libri. Il mondo in 15 librerie, una raccolta di saggi curata da H. Hitchings che ha il pregio di riunire sotto di sé 15 firme internazionali chiamate a indagare e a riflettere sul ruolo della libreria nella nostra vita e nella nostra società.

Perchè se anche voi, nella vostra vita, avete trovato rifugio in una libreria come un tempo si trovava in Chiesa, allora questo è il libro che fa per voi. Dalla visione della libreria come luogo sacro, ad una più quotidiana e familiare, ogni autore racconta atmosfere, pensieri e storie legate a questo luogo con il risultato di un libro in cui stili diversi, culture molto differenti tra loro e riflessioni profonde creano un bellissimo concerto, piacevole nella lettura.

 Per tutti i miei anni da teenager le librerie mi sono servite come luogo di furtiva autoistruzione. Ancora oggi mi piace l’idea che una libreria possa essere una biblioteca ufficiosa, benché non si possa prendere in prestito niente, e sono consapevole che molte delle cose che so a proposito di letteratura le ho apprese anche solo ficcando il naso in sezioni di narrativa ben fornite.

Un libro che scorre via leggero e veloce, dominato dalla curiosità di leggerlo sino all’ultima pagina per scoprire pensieri che hanno attraversato anche le  nostre menti, oppure significati che non avevamo mai sondato. Ed ogni libreria diventa simbolo della società che la crea e la vive:  come nelle parole dell’autore egiziano ‘Ala al-Aswani in cui la libreria diventa luogo di protesta,  o come nel contributo lasciato dallo scrittore ucraino Andrei Kurkov, quando scrive della piccola libreria di Cernivci, punto di riferimento creativo ed artistico, luogo nevralgico della vita culturale di una intera città.

Il libro di Hitchings è un modo per riscoprire la libreria come spazio fisico ma anche, e soprattutto, come luogo della mente e del pensiero, ora romantico, ora elegante, audace, polemico, poetico o bizzarro.

Una libreria può fare da calamita per cani sciolti e i nomadi. Può essere un punto di ritrovo, un riparo, una piattaforma per eventi culturali. Un centri di dissenso e radicalismo, Un luogo per far cominciare a girare idee troppo strane od esplosive per una diffusione di massa. Un mezzo per creare e alimentare una cricca di lettori.

ebook-shoop
Andar per libri. Il mondo in 15 librerie

 

 

Ladra di Libri

Ladra di Libri

Web Editor at Ladra di Libri
Mi chiamo Mariana, sono una ladra, compulsiva, ossessiva e ripetitiva. E sono una Ladra di Libri.
Ladra di Libri

Latest posts by Ladra di Libri (see all)

Ladra di Libri

Mi chiamo Mariana, sono una ladra, compulsiva, ossessiva e ripetitiva. E sono una Ladra di Libri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: