Auguri Papà con Babalibri

La Babalibri è una casa editrice molto ricca di idee, spunti e bei titoli. Ecco la nostra selezione dedicata all’amore che protegge: quello dei papà. 

Quando sono diventata mamma, da brava Ladra di Libri, ho sentito il bisogno di trovare titoli e case editrici che riuscissero ad accompagnare la vita dei miei piccoli con saggezza e delicatezza ma, soprattutto, con tanto amore. Così mi sono imbattuta nella Babalibri, una piccola casa editrice che, con le sue pubblicazioni offre una ricchezza impareggiabile. Perchè lontana dalle mere logiche di cassetta che fanno trottare i nostri piccoli tra eroi dei cartoons e serie TV, offre spunti in grado di accompagnare la crescita dei nostri figli, le loro prime paure, i loro passi più importanti.
E anche se c’è chi ci dice che i piccoli devono essere lasciati in pace, che devono imparare a fare niente e a vivere il proprio tempo libero nella semplice libertà del loro essere bambini, io credo che una lettura ed un libro debbano far parte di questo tempo libero. Adesso, che sono piccoli, come in futuro: perchè un piccolo lettore sarà un grande lettore. E perchè il tempo speso a leggere è sempre speso bene.

Così, in occasione della festa del papà, che celebreremo domenica 19 marzo, ho selezionato alcuni testi che ci raccontano di un amore un po’ speciale, di un amore che protegge e aiuta: dell’amore dei papà.

La mani di papà di Emile Jadoul è dedicato ai bimbi al di sopra dei 2 anni e narra una storia molto simpatica, al centro della quale ci sono, appunto, le mani di papà colte nelle infinite azioni d’amore che compiono ogni giorno: abbracciano, accarezzano, accolgono, proteggono, coccolano. Così, attraverso disegni delicati, dai contorni sfumati, Jadoul ci racconta una storia di crescita e di amore che vuole aiutare i nostri piccoli, ma anche i loro papà, a crescere.

Sempre di Emile Jadoul, anche Papà-isola ci racconta una storia di crescita e di protezione, che ci ricorda che tutti, grandi e piccini, hanno paura di qualche cosa. In questo caso, è l’Orso Gigi ad aver paura di…diventare papà perché sa di non saper fare molte cose che, invece, il suo piccolo potrebbe chiedergli. E, con mamma Orsa, impariamo che i nostri piccoli non hanno bisogno di “cose” ma di affetti, di amore e di ascolto: quelli che solo un papà sa dare ai propri piccoli.

Mario Ramos, con il suo A letto, piccolo mostro! ci racconta, invece, una storia molto diversa. Una storia di capricci e di ostinazione, una storia che abbiamo vissuto tutti noi genitori, prima o poi. Che cosa succede quando i nostri piccoli non vogliono andare a nanna? Tra capricci e scuse di ogni tipo, non sempre il momento della nanna è un momento semplice: mamma e papà fanno il possibile, ma alla fine chi la spunta? Quella di Ramos è una bella storia che parla di amore, ma non solo, in cui il papà è l’interlocutore diretto di un contrasto che non è altro che crescita e indipendenza.

Ci pensa il tuo papà è una nuova storia ideata dalla penna di Maurice D’Allancé al centro della quale si trova il rapporto tra papà e figlio. Pensato per i bimbi a partire dai quattro anni, questo racconto prende spunto da una delle attività più amate dai bambini: quello di porre domande. E tutto ha inizio da un “Papà, cosa faresti se…?”. Insieme all’autore scopriamo i confini dell’amore e quanto un papà è disposto a fare per il suo piccolo.

E se non fosse abbastanza, non vi resta che scoprire gli altri titoli della Babalibri!


Se vuoi acquistare i titoli letti in questo post, puoi acquistarli sullo store affiliato Amazon

Ladra di Libri

Ladra di Libri

Web Editor at Ladra di Libri
Mi chiamo Mariana, sono una ladra, compulsiva, ossessiva e ripetitiva. E sono una Ladra di Libri.
Ladra di Libri

Ladra di Libri

Mi chiamo Mariana, sono una ladra, compulsiva, ossessiva e ripetitiva. E sono una Ladra di Libri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: